L’asimmetria è un elemento molto importante, sappiamo che il nostro cervello è composto da due emisferi: quello destro, che controlla gran parte della muscolatura sinistra, è coinvolto nell’espressione delle emozioni, quello sinistro invece, controlla gran arte della muscolatura destra del viso, svolgendo un lavoro centrato più che altro sulla logica.

Il lavoro svolto dagli emisferi è stato campo di indagine di alcuni studi che si sono interessati a comprendere come questo lavoro cerebrale possa influire sulle emozioni, in particolar modo sulla mimica facciale.

Le ricerche condotte da Sackeim e collaboratori negli anni ’70, hanno dimostrato che le emozioni sono visibili molto più intensamente sulla metà sinistra del viso, rispetto alla destra.

Sackeim e collaboratori avevano diviso a metà delle foto in modo da ottenere due serie di volti: una serie di volti tutti destri, e una serie di volti sinistri; le foto sono state poi mostrate a dei soggetti che hanno espresso un giudizio di intensità emotiva maggiore nelle espressioni dei visi sinistri.

ekm Un’ulteriore una ricerca condotta dal dr. P. Ekman ha notato che nel lavoro di Sackeim non c’era differenza riguardante il giudizio delle espressioni di gioia.

Mettendo in relazione i suoi dati con quelli delle ricerche sulle lesioni cerebrali e la mimica, il dr. Ekman ha dato una sua personale interpretazione a riguardo: la mimica volontaria e involontaria, entrano in gioco in circuiti nervosi diversi, perché a seconda della sede della lesione, può esser danneggiata l’una o l’altra.

Le espressioni volontarie e involontarie possono esser indipendenti tra loro, di conseguenza il lavoro di Ekman ha mirato a verificare che alcune possono essere asimmetriche, altre no.

La genialità del lavoro di Ekman risiede nel fatto di aver dimostrato che non è assolutamente vero che le due metà del viso esprimono in modo differente le emozioni, l’asimmetria si verifica solo se l’espressione è volontaria, cioè assunta su richiesta, non quando è spontanea.

Quando l’espressione è spontanea, come ha verificato lui stesso fotografando non persone alle quali è stato richiesto di provare volontariamente uno stato di gioia, ma persone che si stavano divertendo veramente, l’asimmetria è veramente poca.

L’asimmetria è una un indizio di un’emozione non sentita.

Attualmente la maggior parte dei ricercatori concorda con il dr. Ekman secondo cui quando un’espressione non è sentita, il muscolo principale che interviene nel sorriso agisce più intensamente su un lato del viso, mentre sorrisi autentici presentano un’asimmetria molto più rara.

Ad esempio, nella collera abbiamo un’asimmetria più accentuata a sinistra del viso quando fatta volontariamente, mentre nel disgusto (sempre volontario) un arricciamento del naso più intenso a destra.

Per quanto riguarda la paura, abbiamo ovviamente uno stiramento delle labbra, ma se l’emozione non è sentita, cioè autentica, lo stiramento delle labbra (nella maggior parte delle persone) si è notato più intenso verso destra.

L’asimmetria ci dice che l’emozione probabilmente non è sentita, ma non ci dice assolutamente se questa è una prova di falso, cosi come la simmetria non è detto che sia assolutamente una prova di verità, possiamo solo dire che nella maggior parte dei casi è cosi.

Mi spiego meglio, se molte emozioni non sono simmetriche è segno che non sono sentite, cioè false, però l’asimmetria non è segno certo di falsità di un’emozione.

Alcune espressioni autentiche possono risultare asimmetriche, alla luce di tutto quello che fino ad oggi è stato verificato possiamo solo ritenere che nella maggior parte delle volte, nelle persone prese in esame, si è verificata questa asimmetria riguardanti le emozioni non sentite, ma dire “nella maggior parte” non significa che si è verificata in tutte le persone, ovviamente gli studi in questo campo non sono assolutistici, chi deve smascherare una bugia, non si deve basare solo su un indizio, ma averne molti.

 

prova a m

Il libro consigliato, dal quale è stato estratto l’articolo è: Prova a mentirmi – ediz. Franco Angeli

autori: Fabio Pandiscia – Antonio Meridda

 

 

 

Vuoi conoscere i segreti del linguaggio del corpo?
Partecipa al prossimo corso oppure  iscriviti alla nostra newsletter  per ricevere informazioni. Ti terremo sempre aggiornato
Vuoi conoscere i segreti della PNL?
Vuoi conoscere gli strumenti per raggiungere i tuoi obiettivi e migliorare la tua vita? 
Partecipa al prossimo corso oppure  iscriviti alla nostra newsletter  per ricevere informazioni. Ti terremo sempre aggiornato

 

 

Follow me

Formae Mentis group

Formae Mentis Group è la sinergia di potenziale umano e di persone che si sono formate ad alti livelli nei campi del linguaggio del corpo, ipnosi, microespressioni facciali, comunicazione avanzata e PNL. Struttura creata da Fabio Pandiscia, oggi tra le migliori in Italia per corsi sul linguaggio del corpo e microespressioni. Formae Mentis è affiliatoHumintell (USA)
Follow me

Latest posts by Formae Mentis group (see all)

 

Commenti dai social

commenti

2 comments

  1. feffe73

    Rispondi

    salvo che uno abbia problemi di masticazione e l’asimmetria sia dovuta a questo….es manca un molare

     
    • Rispondi

      nello studio delle espressioni facciali non è un caso che si parte dalla baseline, ossia la conoscenza della conformazione Neutrale del volto di una persona. Ad esempio nelle persone anziane una certa asimmetria facciale è del tutto naturale, non significa quindi che sta mentendo.

       

Rispondi

Contact Person WhatsApp us