Durante le festività natalizie, siamo portati a fare regali e a riceverne.

Ricevere regali rende felici? Alcune ricerche dicono il contrario.

In uno studio è stato chiesto ai partecipanti di spendere 5$ o per se stessi o per qualcun altro.

Il gruppo che è stato più felice, è quello che ha speso soldi per gli altri.

Questo accade perchè quando dai ad un’altra persona, c’è un risposta fisiologica.

I centri del piacere e della ricompensa nel tuo cervello si accendono come se tu stesso fossi il ricevente di quel dono, non colui che lo fa.
Il nostro corpo produce endorfine, le quali ci fanno stare meglio.

Quali regali rendono le persone davvero felici?

La ricerca mostra che i regali esperienziali portano più felicità di quelli materiali. Quali potrebbero essere i regali esperenziali?

  • Una vacanza
  • Lezioni, come arte, musica o cucina, o una bella formazione dedicata
  • Un abbonamento a una palestra, un museo, la piscina
  • Biglietti ingresso, per un concerto, un evento sportivo, un corso che apprezzi particolarmente

In base ad un report del 2011 del National Marriage Project, la generosità è anche uno dei fattori chiave per un matrimonio felice.

In conclusione essere generosi vuol dire essere più felici.

A sostenerlo per la prima volta sono stati i ricercatori dell’Università di Zurigo e della Northwestern University di Chicago.

Nello studio, pubblicato sulle pagine di Nature Communication, il team di ricercatori guidati da Philippe Tobler e Ernst Fehr ha osservato gli effetti della generosità su alcune specifiche aree del cerebrali, chiarendo finalmente l’interazione che esiste tra altruismo e felicità.

Nella ricerca, il team di neuroscienziati ha scoperto che le persone che hanno a cuore l’interesse altrui sono più felici rispetto agli egoisti.

Servendosi della risonanza magnetica funzionale, il team di ricercatori ha monitorato i cambiamenti cerebrali in 50 volontari reclutati per lo studio.

A ognuno era stata promessa una somma di denaro che avrebbe ricevuto in poche settimane: alla metà dei partecipanti è stato chiesto di promettere di spendere i soldi per qualcuno che conosceva, mentre l’altra metà (il gruppo di controllo) doveva spendere i soldi solo per se stessi.

E mentre gli altruisti decidevano se comportarsi o meno generosamente come promesso, ovvero quanti soldi donare o ricevere, il team di ricercatori ha misurato l’attività in tre aree del cervello: la giunzione temporoparietale (dove vengono elaborati i comportamenti sociali e di generosità), lo striato ventrale (associato alla felicità) e la corteccia orbitofrontale (associata ai processi decisionali).

Dall’analisi è emerso che queste tre aree cerebrali hanno interagito in modo diverso, a seconda che i partecipanti decidessero di essere altruisti o egoisti.

I ricercatori hanno osservato come anche solo pensare di essere generosi, inneschi immediatamente nel cervello umano la sensazione di buon umore.

Quindi anche solo promettere di agire in maniera generosa ha intensificato le interazioni tra l’area collegata all’altruismo e quella deputata alla sensazione di felicità, dimostrando che anche il singolo intento produce un riflesso neuronale.

“Promettere di comportarsi generosamente può essere usata come una strategia che rinforzi il comportamento desiderato da una parte, e che induca ad essere più felici dall’altra” ha dichiarato Tobler.

Soyoung Park, suo partner nello studio, aggiunge: “Ci sono ancora delle questioni aperte. Per esempio: la comunicazione tra queste regioni del cervello può essere allenata e fortificata? Se sì, come?“. Inoltre, l’esperto lascia aperto un altro interrogativo importante: non è chiaro infatti se, decidendo di agire volontariamente in modo generoso per essere felici, si ottenga lo stesso effetto.

L’interrogativo è pertinente, perchè si è notato che se le persone si sentivano obbligate a fare beneficenza, si otteneva l’effetto contrario.

Senza sorpresa, gli studi mostrano che ci sentiamo bene quando aiutiamo le persone, scegliendo di farlo, mentre quando siamo costretti ci sentiamo peggio.

Qui sotto un bel video che spiega i benefici della generosità (in inglese)

 

 

 

Se vuoi approfondire l’argomento, ti aspetto al mio prossimo Corso linguaggio del corpo
chiama gratis il numero verde 800 032 882 oppure scrivi a info@formaementis.net

Avrò il piacere di seguirti di persona durante tutto il percorso della durata di 2 giorni (full immersion), per questo ho scelto il numero chiuso, massimo 10 persone.

La rifrequenza è sempre gratuita – Attestato finale

 

 

SEGUI IL GRUPPO FACEBOOK LINGUAGGIO DEL CORPO

SEGUI IL GRUPPO LINKEDIN – LINGUAGGIO DEL CORPO

 

===> VISITA LA NOSTRA VETRINA SU AMAZON <===

 

Follow me

Formae Mentis group

Formae Mentis Group è la sinergia di potenziale umano e di persone che si sono formate ad alti livelli nei campi del linguaggio del corpo, ipnosi, microespressioni facciali, comunicazione avanzata e PNL. Struttura creata da Fabio Pandiscia, oggi tra le migliori in Italia per corsi sul linguaggio del corpo e microespressioni. Formae Mentis è affiliatoHumintell (USA)
Follow me

Latest posts by Formae Mentis group (see all)

Commenti dai social

commenti

Rispondi

WhatsApp chat