Quali sono quelle identificabili dal linguaggio del corpo?

Paura, sorpresa, ira, gioia, tristezza, disgusto.
E fin qui le conoscete tutti, così come chi le ha catalogate, ovvero il dr. Paul Ekman, giusto? Sbagliato.

Colui che per primo notò queste espressioni fu un altro celeberrimo scienziato, niente popò di meno che l’immenso Charles Darwin!

Proprio così, l’illustre naturalista le aveva registrate negli animali da lui osservate, e poi verificate nell’essere umano.

Nel suo libro “Le espressioni delle emozioni nell’uomo e negli animali” (1872) si anticipa di un secolo esatto la classificazione precisa del dr. Ekman.

La prima domanda che nasce è: come aveva fatto Darwin, senza poter sfruttare i metodi più moderni, a identificare proprio le stesse 6 emozioni?

Ovvero, Ekman ha studiato sul libro di Darwin per condurre la sua ricerca o è del tutto indipendente e poi, caso strano, ne ha ripercorso i passi?

La realtà è molto più semplice. Le emozioni identificate prima da Darwin e poi da Ekman non sono casuali, ma si rifanno al principio di emozione primaria.

 

L’universo ha senso solo quando abbiamo qualcuno con cui condividere le nostre emozioni.
(Paulo Coelho)

 

 

 

Parliamo di Emozioni

 

Spieghiamo in termini semplici. Le emozioni che si conoscono – in tutti i vertebrati, dai pesci a noi – sono basilari per la sopravvivenza.

Nelle specie cosiddette “inferiori” (dai signori dell’arroganza, cioè gli esseri umani) possiamo trovare le prime 6, quelle usate anche da Ekman, a tutti i livelli. Nelle specie “superiori” come i mammiferi (cui, guarda caso, apparteniamo noi) esistono anche emozioni dette secondarie, cioè derivanti dalle prime.

Tra queste troviamo l’orgoglio, l’amore, l’invidia e così via, presenti in tutti i mammiferi, appunto.

La differenza tra le emozioni primarie e secondarie è situata nei meccanismi neurofisiologici, cioè nel fatto che le primarie sono innate e per lo più incontrollabili mentre le seconde derivano dall’esperienza individuale, dalla personalità e quindi dall’individuo come realtà a sé.

facQuesto pone un problema scientifico di base, cui nessuno fino ad ora ha potuto rispondere – benché esistano molti entusiasti che giurano di esserci riusciti – cioè: come si manifesta l’orgoglio?

E l’amore?
E l’acredine?
E così via per tutte le emozioni non contenute nelle prime 6.

La risposta è che non si può rispondere in modo scientifico, e dubitate di chi vi dice che può, poiché queste sono del tutto personali, sia nel sentirle che nell’esprimerle.

 

 

Certo, anche le prime 6 hanno varie gradazioni
C’è chi ride sganasciandosi e chi appena sorride, ma i muscoli coinvolti sono sempre gli stessi, varia solo l’intensità.

 

Così non è per le emozioni secondarie

Il motivo è che le primarie esistono da decine se non centinaia di milioni di anni, hanno uno scopo preciso e funzionale e quindi non possono essere fraintese.

Spesso sono tanto forti che travalicano la specie (tutti possiamo capire quando un coniglio, un cane o una mucca sono impauriti o al contrario tranquilli e allegri) perché il loro messaggio appartiene a quella che è detta la metacomunicazione, ovvero un tipo di segnale inconfondibile per il ricevente.

Le secondarie invece non si rifanno a meccanismi così precisi, sono molto più “nuove” e quindi imprecise, e manifestano varie “mescolanze” delle prime 6.

 

Così chi è orgoglioso mostra segni simili alla gioia, chi è invidioso alla rabbia e alla tristezza e così via

Decodificarle è ancora fuori delle nostre capacità, perché ancora non sono state classificate negli animali.

E fino a che non si farà, è molto difficile che si potrà farle negli esseri umani.

 

Se vuoi, puoi iscriverti alla nostra newsletter, dove pubblichiamo quasi tutte le settimane alcune “pillole” sul miglioramento personale. Oppure seguici sul nostro canale telegram

Se ti è piaciuto il post allora apprezzerai il libro che ti propongo questa settimana

Acquista online

Come ottenere ciò che vuoi

Come ottenere ciò che vuoi – edizioni Franco Angeli  – in tutte le librerie

prefazione di  : marco paret e matt traverso

autori : fabio pandiscia e antonio meridda

Codice ISBN: 9788856839555

Pagine. 176,      1a edizione  2011   (Codice editore 1796.235)

Ricevi news in tempo reale sul tuo smarphone – Contattaci su WhatsApp

 

Aggiungi il nostro numero alla tua rubrica e inviaci un messaggio al +39 338 4135458 (scrivi new entry) per ricevere i nostri aggiornamenti (massimo 2 al mese).

Tramite whatsapp ti terremo informato sulla pubblicazione dei nostri libri, su eventuali ebook gratuiti e link per scaricarli, sconti esclusivi e promozioni sulla nostre attività.

Non è il solito gruppo whatsapp che ti riempe di messaggi, ma un canale broadcast, dove ricevere solo pochi aggiornamenti, molto utili, sul mondo della psicologia, pnl e linguaggio del corpo.

Inviaci un messaggio whatsapp con scritto “New entry” al +39 338 4135458 penseremo noi ad aggiungerti al canale  broadcast e inviarti le (poche e selezionate) news più esclusive.

 

 

Antonio Meridda

laureato in scienze naturali, specializzato in etologia. Interessato al comportamento e alle relazioni degli animali di gruppo, ha applicato agli esseri umani le teorie scientifiche.

Latest posts by Antonio Meridda (see all)

 

Commenti dai social

commenti

3 comments

  1. Edoardo Castorina C. Palazzeschi

    Rispondi

    Secondo me esiste una settima emozione primaria, il PIACERE. Commenti a riguardo per favore

     

Rispondi