Sai perché quando qualcuno accavalla le gambe subito qualcun altro fa lo stesso? Per i neuroni specchio! Sai perché quando qualcuno sbadiglia gli altri lo replicano? Per i neuroni specchio! Sai cosa c’è di vero in tutto questo? ASSOLUTAMENTE NULLA!!!

Una delle più discusse e interessanti (e come tante cose, poco compresa ma che in tanti usano a sproposito, vedi le parole “dna” e “neutrini”) sono i famigerati neuroni specchio.

Di che si tratta?

La prima caratteristica importante è che a tutt’oggi NON SONO STATI MAI OSSERVATI NEGLI ESSERI UMANI.
Quindi, quando sentirai le frasi tipiche “agisce così per i neuroni specchio” o “i neuroni specchio influenzano il nostro comportamento” sappi che sono solo ed esclusivamente TEORIE!

Affascinanti, siamo d’accordo, ma pur sempre teorie.

E allora perché hanno colpito così tanto l’immaginario comune?download (6)

Di certo, il nome colpisce, e la funzione ancor di più: in base ad essi, grazie all’effetto Frankenstein di cui parleremo tra poco, agiamo non spinti da un istinto, un ragionamento, o un pensiero di qualsiasi genere, ma per semplice imitazione. Esempi tipici lo sbadiglio, il copiare qualcun altro ecc. ecc.

Ma se così fosse, TUTTI agiremmo nello STESSO MODO. Così non è!

In realtà, i neuroni specchio sono degli utilissimi “ponti di passaggio”, verificati solo nei primati, che permettono a un cucciolo di assorbire un’informazione materna in modo automatico. Ad esempio, il sorriso sociale umano potrebbe essere una prova che anche nella nostra razza esistono neuroni simili.

Il linguaggio del corpo appreso è quindi molto influenzato da questo genere di neuroni, quantomeno nelle prime fasi di infanzia. Ricorda però che questi neuroni AIUTANO, ma non determinano una funzione. Così come tutti abbiamo i neuroni che predispongono l’equilibrio, ma alcuni di noi sono capaci di prodezze da gatto, altri inciampano sui propri piedi. I neuroni specchio, in definitiva, aiutano solo a far assorbire funzioni di base, il resto è solo IMITAZIONE, che nelle specie sociali è molto potente.

imagesPer fare un esempio, tutti i cani scodinzolano, ma è certo al 100% che nella loro razza non esistono neuroni specchio.
L’effetto Frankenstein riguarda un’altra meraviglia del cervello umano, ovvero la cancellazione, la deformazione e la generalizzazione di ciò che ci circonda. Il nome è preso dall’equazione del tutto errata ma comunissima dovuta agli OGM (organismi geneticamente modificati) con il mostro di Frankenstein, da cui la dicitura “cibo Frankenstein”. Molto semplicemente succede questo:

1- sentiamo qualcosa (es: “gli OGM sono prodotti biologici modificati dall’uomo”)

2- elaboriamo la notizia in base alle generalizzazioni che abbiamo (prodotto biologico: animale, pianta. Modificato: alterato a piacimento, per fini loschi e meschini)

3- deformiamo la realtà in base a ciò che conosciamo (creatura nata dalla scienza: Frankenstein!)

Il risultato finale: gli OGM sono cibo Frankenstein. Se sorrido a qualcuno e lui risponde, è per i neuroni specchio.

Ma allora, esistono questi neuroni specchio? Forse. Di certo, siamo una razza comunicativa e imitativa, a livelli molto alti. E dotati di moooolta fantasia…

Antonio Meridda

laureato in scienze naturali, specializzato in etologia. Interessato al comportamento e alle relazioni degli animali di gruppo, ha applicato agli esseri umani le teorie scientifiche.

Commenti dai social

commenti

Rispondi

Contact Person WhatsApp us