Nella foto, ormai diventata virale in Australia e Stati Uniti, abbiamo Koto Nakamura e suo marito.

La fotografa australiana Sina Niakansafy, ha immortalato un momento veramente speciale.

Alla coppia era stato detto che aspettavano una bimba, invece era un bambino.

 

La coppia australiana aveva deciso di chiamare la figlia Hinata, ed aveva programmato oltre che il nome, anche l’acquisto di varie cose tutte riservate ad una bimba.

Anche parenti ed amici avevano iniziato a regalare vestitini da bambina, fino a poche settimane prima del parto.

Tuttavia, quando Nakamura ha dato alla luce il suo bambino, fu sorpresa di apprendere che era maschio e lo scatto della bravissima fotografa lo ha dimostrato.

Mentre l’immagine catturata dalla macchina fotografica è stato definito come “sorpresa” da parte dei media, il Dott Matsumoto dice che c’è anche “paura”,  identificata dal bianco che si intravede sopra gli occhi e dalle sopracciglia poste in modo orizzontale.

Se lo dice il dr Matsumoto, uno dei più grandi esperti mondiali in micro espressioni, non ci sono dubbi !!!!

Personalmente, la paura io la vedo più che nella conformazione delle sopracciglia (le quali dovrebbero formare delle pieghe orizzontali più che altro sul centro della fronte, non su tutta la fronte), nella forma della bocca.

La conformazione bocca non è rilassata come dovrebbe essere nella sorpresa, ma leggermente stirata in orizzontale, con gli angoli che vanno verso il basso codice facs AU 15.

Alla fine della storia, dopo lo shock iniziale tutti furono euforici per la nascita del bambino; la mamma e il papà lo hanno poi chiamato: Taiga che è un nome giapponese e significa ‘grande e misericordioso’.

 

 

Se vuoi approfondire l’argomento, ti aspetto al nostro prossimo corso sul linguaggio del corpo,
chiama gratis il numero verde 800 032 882 oppure scrivi a info@formaementis.net

Avrò il piacere di seguirti di persona durante tutto il percorso della durata di 2 giorni (full immersion), per questo ho scelto il numero chiuso, massimo 10 persone.

La rifrequenza è sempre gratuita – Attestato finale

 

Alla prossima,

Stay Tuned!

Fabio.

 

———————————————————

Continua a seguirci sui social

Facebook – Gruppo Linguaggio del corpo –
Linkedin   – Gruppo Linguaggio del corpo –
Telegram  http://telegram.me/formaementis

———————————————————

 


 

Per approfondimenti

 

 

Comunicare Bene – La Comunicazione come Forma Mentis

Tutta la bibliografia riportata in questo articolo la puoi trovare nel mio libro “Comunicare bene, la comunicazione come forma mentis“, dal quale è stato tratto questo post.

Questo libro tratta la comunicazione verbale e non verbale, il linguaggio del corpo e l’ascolto empatico all’interno di una corretta comunicazione.

Partendo dall’approccio iniziale, seguendo passo per passo le dinamiche di un rapporto di comunicazione – che si tratti di rapporti di lavoro o relazioni informali – vengono presentate le principali strategie, proprie della PNL, della Gestalt e dell’Analisi Transazionale, per comunicare nel modo più efficace ed evitare gli errori più comuni, che spesso rendono difficile entrare in sintonia con i nostri interlocutori.

“Non si può non comunicare” nel gioco della vita ed apprendere le tecniche di comunicazione è possibile, al pari di ogni altra capacità, ma per farlo è necessario sviluppare uno specifico atteggiamento mentale.

E’ proprio questo approccio che differenzia questo libro dai tanti altri sul tema della comunicazione.

 

Follow me

Fabio Pandiscia

Dott. in Psicologia,Autore di vari libri sul linguaggio del corpo e PNL, Master Trainer PNL, Codificatore FACS, METT Advanced, Mix2, affiliato Humintell in Italia.
Fondatore di Formae Mentis Group
Follow me
 

Commenti dai social

commenti

Rispondi