Nella lezione precedente abbiamo trattato i segnali di gradimento, e abbiamo notato che vengono effettuati molto anche in relazioni che implicano stati di seduzione.

Oggi parliamo dei segnali di rifiuto, il tipico semaforo rosso della comunicazione, infatti quando si manifesta un segnale di rifiuto vuol dire che abbiamo sbagliato qualcosa e bisogna a quel punto calibrare la nostra comunicazione per capire come possiamo rimediare.

Se il vostro interlocutore esprime segnali negativi come quelli riportati qui sotto, potete provare a dire le stesse cose, ma con parole diverse, perchè non state andando bene.

Questi segnali ci devono avvertire che c’è qualcosa in noi o in ciò che diciamo che non funziona, qualcosa non è stato ben accettato, quindi dobbiamo calibrare ciò che diciamo per recuperare una buona comunicazione:

»        Portare il busto all’indietro
»        Sfuggire lo sguardo dell’oratore
»        Grattarsi il naso o prenderselo tra le dita
»        Allontanare da sé un oggetto, togliersi dei pelucchi di dosso sono altri segnali della volontà di allontanare da sé qualcosa di sgradevole
»        Gambe accavallate e braccia conserte.
 Rappresenta una chiusura nei confronti dell’argomento trattato o dell’interlocutore.

Te lo ripeto nuovamente, valuta bene il contesto e considera che non è detto che se il tuo interlocutore si tocchi il naso ti sta mentendo. Cerca maggiori segnali di conferma.

Abbiamo registrato un webinar su questo argomento con il dr Meridda, lo riporto qui sotto:

Telegram è il posto dove condividiamo un podcast settimanale e vari file audio,
sono gratuiti, ascoltali – questo il canale –  

 

Abbiamo scritto prima che il togliersi i pelucchi di dosso può essere catalogato tra i segnali di rifiuto, ma bisogna fare attenzione. Ci sono delle differenze da valutare.

Questi “spazzolamenti”  non sono altro che segnali non verbali della volontà di allontanare da sé qualcosa di sgradevole, di spiacevole.

Questi sono gesti simbolici, denominati anche gesti di autopulizia, sono un modo per esprimere il proprio disaccordo o disappunto su qualcosa o su quanto sentito, quando non si è in condizione di poterlo fare apertamente.

In pratica è un atteggiamento di rifiuto manifestato in modo non verbale.

Per saperne di più ti lascio questo breve video qui sotto:

Continuiamo a parlare di segnali di rifiuto, riassumendo possiamo trovare questi tra i più frequenti:

  1. Sfregare con le dita con la punta del naso.
    Il soggetto rifiuta l’argomento o frase espressa.
  2. Spostare il corpo indietro.
    Simbolicamente indica un allontanamento dell’argomento o dall’interlocutore.
  3. Spostare occasionalmente oggetti lontano dalla propria persona.
    Indica un allontanare gli argomenti trattati.
  4. Spolverare o spazzare via dagli abiti o dal tavolo polvere o briciole.
    Rappresenta il volersi liberare dai problemi attinenti all’argomento espresso.
  5. Raschiamento della gola.
    L’interlocutore rifiuta l’argomento trattato.
  6. Gambe accavallate e braccia conserte.
    Rappresenta una chiusura nei confronti dell’argomento trattato o dell’interlocutore.

Generalmente le braccia conserte segnalano che l’individuo desidera inconsciamente che l’argomento non deve essere toccato e quindi non necessariamente indica chiusura rispetto all’interlocutore.

Quando il soggetto ha una tendenza ad assumere questa posizione, significa che ha una chiusura nei confronti dell’ambiente esterno e che preferirebbe restarsene da solo in quel particolare periodo.

Per quanto riguarda le gambe accavallate, esse indicano chiusura solo quando chi abbiamo di fronte assume una posizione che mostra tutta la parte esterna della coscia, quasi a simboleggiare una barriera nei nostri confronti. Il video sotto fa capire meglio cosa intendiamo per “chiusura” quando parliamo di gambe accavallate.

Gambe accavallate

Tenere le gambe accavallate può far emergere un segno di auto-protezione, tanto più elevato, quanto più stretto è il loro accavallamento, ma non è detto.

Inoltre le gambe accavallate possono essere catalogate sia tra i segnali di gradimento che tra i segnali di rifiuto, tutto dipende dal modo in cui il gesto viene fatto.

Per rispondere bene a questo quesito bisogna fare delle esercitazioni dal vivo, in questa sede mi permetto di illustrarlo brevemente con questo video dove viene spiegata la differenza.

Guardate il video al min 2:30 e trovate la differenza del significato analogico, tra l’accavallamento delle gambe verso l’interlocutore o al di fuori di esso.

In ogni valutazione bisogna sempre tenere presente i vari riverberi gestuali, la prossemica,  l’inclinazione del busto in avanti, la rigidità della gamba accavallata e del piede sospeso da terra e l’eventuale chiusura delle braccia.

Abbiamo moltissimi altri gesti con tante varianti da illustrare, ma per poterlo fare c’è bisogno di farli vedere dal vivo con prove pratiche, altrimenti si rischiano fraintendimenti e molta… molta confuzione.

Se vuoi ti aspettiamo al prossimo corso sul linguaggio del corpo e micro espressioni facciali.
Prenotati inviando una mail a info@formaementis.net oppure chiama il numero verde gratuito  800 032 882.

 

 

Per oggi è tutto, ti aspetto alla prossima lezione.
Per non perdela ti consiglio di iscriverti alla newsletter – clicca qui –
Oppure iscriviti al blog: vai alla fine della pagina e clicca su “iscriviti al blog tramite email”

 

 

Se vuoi ricevere più informazioni sul nostro corso Linguaggio del corpo e micro-espressioni facciali, visita la pagina, clicca qui sotto:
===> Corso linguaggio del corpo <===

 

Per approfondire l’argomento, ti consigliamo questi libri…

Acquista online

Prova a mentirmi

Consigliamo il libro: PROVA A MENTIRMI – ediz Franco Angeli

Siamo tutti bravi a mentire, ma a nessuno piace essere ingannato. C’è chi mente per un proprio vantaggio personale, chi per coprire un errore, chi magari solo per il piacere di riuscire a prendere in giro gli altri e farla franca… Televisione, pubblicità, giornali e persino amici e parenti – per non parlare del partner – ci mentono di continuo.

Come capire se chi avete davanti vi sta raccontando la verità o l’ennesima bugia? Qui troverete tutto sulla comunicazione: da quella che si crea nell’ambiente di lavoro, a quella che si svolge tra uomini e donne.

 

 

comunicare bene

comunicare bene

Consigliamo il libro: Comunicare bene – ediz Psiconline

Questo libro tratta la comunicazione verbale e non verbale, il linguaggio del corpo e l’ascolto empatico all’interno di una corretta comunicazione.

Partendo dall’approccio iniziale, seguendo passo per passo le dinamiche di un rapporto di comunicazione – che si tratti di rapporti di lavoro o relazioni informali – vengono presentate le principali strategie, proprie della PNL, della Gestalt e dell’Analisi Transazionale, per comunicare nel modo più efficace ed evitare gli errori più comuni, che spesso rendono difficile entrare in sintonia con i nostri interlocutori.

“Non si può non comunicare” nel gioco della vita ed apprendere le tecniche di comunicazione è possibile, al pari di ogni altra capacità, ma per farlo è necessario sviluppare uno specifico atteggiamento mentale. E’ proprio questo approccio che differenzia questo libro dai tanti altri sul tema della comunicazione.

 

 

perchè mi tradisci

perchè mi tradisci

Consigliamo il libro: Perchè mi tradisci – edizioni Psiconline

Il libro “Perché mi Tradisci” di Fabio Pandiscia e Antonio Meridda si propone di spiegare, in modo chiaro e approfondito, le dinamiche della coppia e i motivi per cui oggi, come 3.000 anni fa, il tradimento è tanto diffuso.

Tutti temiamo di essere vittima del peggiore dei tradimenti: quello sentimentale.

Per quanto sia punito e odiato chi lo commette, da sempre e ovunque esistono i traditori. Peggio ancora: tutti abbiamo tradito o siamo stati traditi.

Fa parte del nostro DNA oppure è un modalità di azione acquisita? Ed esiste un modo per evitarlo?

 

 

#gratis, #linguaggiodelcorpo, #primalezione, #comunicazionenonverbale,

 

Follow me

Formae Mentis group

Formae Mentis Group è la sinergia di potenziale umano e di persone che si sono formate ad alti livelli nei campi del linguaggio del corpo, ipnosi, microespressioni facciali, comunicazione avanzata e PNL. Struttura creata da Fabio Pandiscia, oggi tra le migliori in Italia per corsi sul linguaggio del corpo e microespressioni. Formae Mentis è affiliatoHumintell (USA)
Follow me

Latest posts by Formae Mentis group (see all)

Commenti dai social

commenti

Rispondi

WhatsApp chat