In un contesto dove c’è un ordine gerarchico ben stabilito il leader guarda poco i suoi subordinati, al contrario questi ultimi cercheranno l’approvazione del leader, in che modo?

Ovviamente cercandolo prima di tutto con lo sguardo.

Ancora, chi si sente in una situazione di superiorità tende a guardare l’altro fisso negli occhi mentre chi si trova in una situazione di sottomissione tende a non reggere lo sguardo sviando gli occhi altrove.

A questo punto ti potresti dire: io non riesco a fissare qualcuno negli occhi mentre parlo, vuol forse dire che sono una persona insicura o che tende alla sottomissione?

Tranquillo, sei del tutto normale e la timidezza non c’entra.

Capita durante una conversazione, di distogliere lo sguardo o ad abbassare il volto per non guardare l’altra persona dritta negli occhi!

Ricordi? Ne abbiamo già parlato in questo articolo 

Significa semplicemente che non riesci a pensare alle parole pronunciate dal tuo interlocutore e contemporaneamente a guardarlo in faccia.

Nell’ultimo articolo abbiamo scritto che non possiamo controllare tutti e 3 i canali comunicativi (verbale, paraverbale e non verbale) e questo è vero sopratutto quando diciamo una bugia o quando dobbiamo riflettere su quanto abbiamo da dire.

Ma torniamo allo sguardo, molto importante è il ruolo che giocano le pupille.

Le pupille dilatate denotano interesse e attrazione rendendoci più attraenti. Non è un caso che nell’antichità le prostitute usavano le gocce di belladonna per gli occhi, cosi da ingrandire il diametro delle pupille ed essere più attraenti.

Quindi se vogliamo capire se la persona che abbiamo davanti è veramente interessata a noi, osserviamo le sue pupille!

Sbattere le palpebre, invece, indica menzogna, in questo caso sono molto importanti le ricerche del dr Fukuda che dimostrano proprio la presenza di un accentuato movimento delle palpebre durante la menzogna oppure il rifiuto della situazione che si sta vivendo in quel momento o della persona che abbiamo di fronte.

L’ammiccamento pupillare è presente non solo nella menzogna, ma anche quando la persona non può ribattere al suo interlocutore (per qualsiasi motivo), ma ha da dire la sua.

Se volte leggere di più su questo argomento, questa settimana è in edicola il nuovo numero di Più sani e più belli con la mia intervista sul linguaggio del corpo…

 

Se vuoi approfondire l’argomento, ti aspetto al nostro prossimo corso sul linguaggio del corpo,
chiama gratis il numero verde 800 032 882 oppure scrivi a info@formaementis.net

Avrò il piacere di seguirti di persona durante tutto il percorso della durata di 2 giorni (full immersion), per questo ho scelto il numero chiuso, massimo 10 persone.

La rifrequenza è sempre gratuita – Attestato finale

 

Con affetto, Fabio.

Non perderti i miei video su youtube

———————————————————

Continua a seguirci sui social
Linkedin   – Gruppo Linguaggio del corpo –
Telegram  http://telegram.me/formaementis

———————————————————

Follow me

Fabio Pandiscia

Dott. in Psicologia,Autore di vari libri sul linguaggio del corpo e PNL, Master Trainer PNL, Codificatore FACS, METT Advanced, Mix2, affiliato Humintell in Italia.
Fondatore di Formae Mentis Group
Follow me

Latest posts by Fabio Pandiscia (see all)

 

Commenti dai social

commenti

Rispondi