Il battere le palpebre è una delle cose che facciamo più spesso durante le noste attività quotidiane, è dimostrato che lo facciamo circa 13mila volte al giorno, quindi molto più spesso di quanto servirebbe per mantenere lubrificati i bulbi oculari.

Per quanto riguarda l’aumento del battito delle palpebre ne abbiamo già parlato in alcuni esercizi di linguaggio del corpo, in questo articolo prendiamo in considerazione altri studi recenti che dimostrano l’esistenza di interesse nei confronti di un argomento (o nei confronti di qualcuno), dati effettivamente dall’aumento del battito delle ciglia.

Uno studio pubblicato su Plos One dai ricercatori del Max Planck Institute rivela che battere le palpebre è più di un semplice riflesso involontario. Nei primi giorni dopo la nascita è una cosa che non facciamo spesso, aumenta infatti quando iniziamo a crescere. I ricercatori hanno dimostrato che si tratta di un movimento che riflette il livello di sforzo cognitivo a cui è sottoposto il nostro cervello (ragionamento, discussione, ecc.)

Per indagare la natura comunicativa dei battiti delle palpebre i ricercatori hanno ideato un esperimento virtuale.

Un gruppo di volontari è stato invitato a conversare con una serie di avatar digitali, di cui i ricercatori potevano controllare con precisione il battito delle ciglia ed è emersa chiaramente una correlazione curiosa: più a lungo le palpebre degli avatar rimanevano chiuse, più si accorciavano le risposte degli interlocutori. Parliamo di differenze di pochi millisecondi – sottolineano gli autori dello studio – ma evidentemente più che sufficienti per essere notate dall’interlocutore, e per influenzare il suo comportamento.

Altri studi in proposito sono stati condotti da Sarah Shultz, Ami Klin e Warren Jones che hanno riflettuto su questo fatto: se battere le ciglia ha un’importante funzione fisiologica, è anche vero che chiudendo gli occhi viene interrotta anche la percezione degli stimoli visivi, di conseguenza se si riesce ad inibire il battito delle palpebre, possiamo restare attenti e concentrati, specie se quello che si guarda suscita interesse.

Per verificarlo hanno condotto un esperimento con dei bambini di due anni, esponendoli a stimoli che attirassero la loro attenzione, alternati a stimoli irrilevanti ed hanno rilevato che, effettivamente, se stiamo guardando qualcosa di attraente l’occhio rimane aperto più a lungo.

 

Questo qui sopra è un video dove si spiega che l’ammiccamento possiamo interpretarlo anche come un segnale di menzogna oppure un segnale di disappunto, dipende ovviamente dal contesto e dai riverberi gestuali.

Come sempre amiamo dire, ogni singolo gesto non significa nulla se non viene inserito nel contesto giusto, se non vengono notati altri riverberi gestuali e se non viene collocato in modo esatto all’interno della comunicazione e il segnale del battere le ciglia è la dimostrazione di quante interpretazioni diverse sono possibili dello stesso gesto.

************************************************
Non sei ancora iscritto alla mia newsletter?
Allora clicca qui sotto
===> Iscriviti alla Newsletter <===
************************************************

 

Se vuoi approfondire l’argomento, ti aspetto al nostro prossimo corso sul linguaggio del corpo,
chiama gratis il numero verde 800 032 882 oppure scrivi a info@formaementis.net

Avrò il piacere di seguirti di persona durante tutto il percorso della durata di 2 giorni (full immersion), per questo ho scelto il numero chiuso, massimo 10 persone.

La rifrequenza è sempre gratuita – Attestato finale

———————————————————-

Continua a seguirci sui social

Facebook – Gruppo Linguaggio del corpo –

Telegram  http://telegram.me/formaementis

———————————————————-

Tutte le nostre pubblicazioni sono su AMAZON

===> VISITA LA NOSTRA VETRINA SU AMAZON <===

Follow me

Formae Mentis group

Formae Mentis Group è la sinergia di potenziale umano e di persone che si sono formate ad alti livelli nei campi del linguaggio del corpo, ipnosi, microespressioni facciali, comunicazione avanzata e PNL. Struttura creata da Fabio Pandiscia, oggi tra le migliori in Italia per corsi sul linguaggio del corpo e microespressioni. Formae Mentis è affiliatoHumintell (USA)
Follow me

Commenti dai social

commenti

Rispondi

WhatsApp chat