E’ ormai famosa con il nome “donna senza paura”.

Quando aveva 10 anni perse l’amigdala (il nucleo del cervello) e da allora non teme nulla.

Non è una cosa strana perché sappiamo ormai da decenni che l’amigdala regola proprio i nostri centri di paura, facendoci combattere o fuggire davanti un pericolo imminente, infatti l’amigdala è una regione cerebrale che deve il nome alla sua forma a mandorla, già da tempo nota come fulcro della paura e motore delle reazioni istintuali ad essa.


A questa donna è capitato di camminare ad esempio di notte, in una strada deserta, ed esser chiamata da un uomo dall’aspetto poco raccomandabile seduto su una panchina.

Appena lei si avvicina, scatta in piedi, puntandole un coltello alla gola e le dice che l’avrebbe uccisa.
Lei, per nulla impaurita, gli risponde: ‘se stai per uccidermi sappi che dovrai vedertela prima con gli angeli del Signore’.

L’uomo improvvisamente libera la presa e lei, come nulla fosse, si incammina verso casa tranquilla e per nulla impaurita.

 

************************************************
Non sei ancora iscritto alla nostra newsletter?
Allora clicca qui sotto
===> Iscriviti alla Newsletter <===
************************************************



download (1)Questa donna è divenuta totalmente incapace (causa una malattia chiamata ipoproteinosi di Urbach-Wiethe, che causa il deposito di materiale calcificato nel corpo) di avvertire ogni forma di paura e di pericolo, e di mettere in atto strategie di difesa o fuga. 


Chiunque vedendo un uomo sinistro su una panchina avrebbe affrettato il passo, nessuno gli si sarebbe avvicinato e poi, con un coltello puntato alla gola, mantenuto la calma: l’atteggiamento “coraggioso” della donna, una 44enne che chiameremo SM, è solo uno degli episodi da brivido raccontati dalla neurologa Justin Feinstein della University of Iowa che per la prima volta descrive il caso clinico unico al mondo, dopo mesi e mesi di studi su comportamenti e cervello di SM.

Secondo quanto riportato sulla rivista Curent Biology, Feinstein ha sottoposto SM a molteplici esami per capire fino a che punto non temesse nulla: le ha mostrato film horror tra i più spaventosi lasciando SM del tutto insensibile e priva di ogni minimo segno di paura; poi le ha mostrato ragni e serpenti in un negozio di animali, perché SM in precedenza aveva detto di odiare i rettili e i ragni.

Ma lei del tutto tranquilla si è avvicinata loro e li ha toccati, dichiarando poi di essere stata mossa da curiosità.

Spooky-Waverly-Hills-Sanatorium
E non è finita, racconta Feinstein: “Durante Halloween, abbiamo portato SM al Waverly Hills Sanatorium, nel Kentucky (foto sopra) un vecchio ospedale abbandonato per malati di tubercolosi ritenuto uno dei posti più spaventosi della terra e che una volta l’anno ospita una casa del terrore piena di mostri, assassini e fantasmi”.


SM volontariamente ha guidato nella ‘casa stregata’ il gruppo di ricercatori (e altri volontari) non mostrando alcun segno di esitazione mentre si aggirava nei bui corridoi del sanatorio che lasciavano impietriti tutti.

SM ha raccontato molti episodi della propria vita traumatici per chiunque ma che a lei non hanno lasciato il segno, spiega Feinstein, come l’aggressione col coltello.

 

 

“L’amigdala si occupa normalmente di elaborare tutte le informazioni che arrivano al cervello attraverso i cinque sensi, per individuare rapidamente qualunque cosa potrebbe avere un impatto sulla nostra sopravvivenza” – spiega.

Quando sente il pericolo, l’amigdala orchestra una serie di risposte del corpo per prepararci alla fuga o a difenderci.

“Poiché SM non ha l’amigdala non può sentire il pericolo e difendersi e quindi è addirittura straordinario che sia ancora viva” – continua la dottoressa.

Al di la del caso clinico, lo studio di SM è importante perché suggerisce, conclude Feinstein, che le persone affette da fobie patologiche o da grossi traumi, come i reduci di guerra, potrebbero trovare giovamento da trattamenti mirati a modulare l’attività dell’amigdala per controllare e ridimensionare le loro paure. 

 

 

 

 


 

La storia del sanatorio ti ha incuriosito?

imagesHo trovato un video molto interessante sull’inquietante Waverly Hills Sanatorium nel Kentucky. Questo video, forse fantasioso, forse no, parla anche di alcune verità storiche accadute realmente nel sanatorio negli anni ’20.

La storia dell’ospedale è legata a quella di una malattia: la tubercolosi. Tutta l’america ne fu colpita, ma in particolar modo la città di Louisville nel Kentucky.

Si calcola che in questo luogo vi morirono circa 63.000 persone.

Nei sotterranei del Waverly Hills c’era un tunnel fornito di rotaie ferroviarie che serviva inizialmente al personale per arrivare al sanatorio in caso di cattivo tempo.

Quando i morti iniziarono ad essere troppi e subentrò la necessità di nascondere i cadaveri ai parenti e all’opinione pubblica, il tunnel venne trasformato in un enorme fossa comune.

In questo video che ho trovato in rete qui sotto, si parla del Waverly Hills Sanatorium come dell’ospedale più infestato (dai fantasmi) del mondo…. Buona visione!

 

 

 

a presto

Fabio!

 

———————————————————

Continua a seguirci sui social

Facebook – Gruppo Linguaggio del corpo –

Telegram  http://telegram.me/formaementis

———————————————————

 

 Per approfondimenti

Acquista online

Comunicare bene

Comunicare bene. La comunicazione come forma mentis

Questo libro tratta la comunicazione verbale e non verbale, il linguaggio del corpo e l’ascolto empatico all’interno di una corretta comunicazione.

Partendo dall’approccio iniziale, seguendo passo per passo le dinamiche di un rapporto di comunicazione – che si tratti di rapporti di lavoro o di relazioni informali – vengono presentate le principali strategie (proprie della PNL, della Gestalt e dell’Analisi Transazionale) per comunicare nel modo più efficace ed evitare gli errori più comuni che spesso rendono difficile entrare in contatto con i nostri interlocutori.

Il volume ha l’ambizione di “insegnare” a comunicare, oltre che con le parole, anche e soprattutto con la voce, i gesti ed il corpo. Imparare ad usare ognuno di questi “linguaggi” nella maniera migliore risulta quindi fondamentale per poter sfruttare al meglio i meccanismi comunicativi.

“Non si può non comunicare” nel gioco della vita ed apprendere le tecniche di comunicazione è possibile, al pari di ogni altra capacità, ma per farlo è necessario sviluppare uno specifico atteggiamento mentale. E’ proprio questo approccio che differenzia questo libro dai tanti altri sul tema della comunicazione.


 

Ricevi news in tempo reale sul tuo smarphone – Contattaci su WhatsApp

 

Aggiungi il nostro numero alla tua rubrica e inviaci un messaggio al +39 338 4135458 (scrivi new entry) per ricevere i nostri aggiornamenti (massimo 2 al mese).

Tramite whatsapp ti terremo informato sulla pubblicazione dei nostri libri, su eventuali ebook gratuiti e link per scaricarli, sconti esclusivi e promozioni sulla nostre attività.

Non è il solito gruppo whatsapp che ti riempe di messaggi, ma un canale broadcast, dove ricevere solo pochi aggiornamenti, molto utili, sul mondo della psicologia, pnl e linguaggio del corpo.

Inviaci un messaggio whatsapp con scritto “New entry” al +39 338 4135458 penseremo noi ad aggiungerti al canale  broadcast e inviarti le (poche e selezionate) news più esclusive.

Follow me

Fabio Pandiscia

Dott. in Psicologia,Autore di vari libri sul linguaggio del corpo e PNL, Master Trainer PNL, Codificatore FACS, METT Advanced, Mix2, affiliato Humintell in Italia.
Fondatore di Formae Mentis Group
Follow me

Commenti dai social

commenti

WhatsApp chat