Tutti noi mentiamo di continuo, lo abbiamo già ripetuto molte volte negli articoli passati sulla menzogna sia con podcast sull’argomento, che con un video sul comportamento del bugiardo o con articoli sulla psicologia del bugiardo.

Ma come scoprire chi mente? Come capire se ti stanno mentendo?

Di seguito alcuni accorgimenti per smascherare un bugiardo, ma attenzione, per interpretare bene qualsiasi segnale non verbale, non è sufficiente leggere qualche libro o vedere alcuni video sul tema, è importante praticare dal vivo seguiti da docenti preparati.

Ultimamente ho fatto anche un video, dove ho lasciato alcune indicazioni per poter scegliere un buon percorso sull’argomento. Prima di avventurarsi nel meravioglioso mondo della comunicazione non verbale, occorre preparazione.

 

Ed ora iniziamo a svelare alcuni trucchetti per smascherare un bugiardo

 

1 – I bugiardi amano i dettagli

I mentitori tendono a fornire molte informazioni alle storie che raccontano, spesso inutili senza che qualcuno gliele abbia chieste.

Ma attenzione, sono informazioni che non hanno nulla di personale, sono solo descrizioni su descrizioni, in nessuna frase c’è veramente qualcosa di emotivo e coinvolgente.

Chi mente pensa che arricchire la sua storia la farà diventare più credibile.

In realtà in questo modo spesso la storia tende ad essere meno credibile e più complicata. Più elaborato è il racconto più è probabile che si tratti di un’invenzione! In particolare il verbale di chi mente è conciso, sintetico,  incompleto, con enunciati brevi, privi di soggetto e con predicati sottintesi.

Gli studi caratterizzati dall’attenzione rivolta al solo contenuto verbale hanno messo in luce che il bugiardo utilizza un linguaggio con un ridotto numero di asserzione ai fatti, inoltre le dichiarazioni false risultano più brevi di quelle vere e con minor riferimento alle esperienze personali: le menzogne fanno pochi riferimenti a persone, luoghi o eventi, mentre si servono moltissimo di termini generici come tutti, ogni volta, nessuno, mai, ecc.

 

2 – Controllare lo stato emotivo

Gli stati emotivi, possono essere definiti come degli stress, e questo può incidere anche sulla menzogna, in particolare sulle pupille. C’è infatti una profonda relazione tra pupille e bugie.

Cosa c’entra tutto questo con le bugie?

Le bugie rientrano nella definizione di situazione di stress, poiché quando si mente si deve stare attenti a non farsi scoprire. Questa consapevolezza mette “in allarme” il nostro organismo, il quale si organizza per fornire una risposta più adeguata possibile, per non far capire all’interlocutore che è vittima di una menzogna.Si mette in moto un istinto di autodifesa con conseguente dilatazione pupillare.

3 – Il bugiardo… rallenta

Sappiamo che la comunicazione è costruita su 3 canali importantissimi: il verbale, il paraverbale e il non verbale. Quando diciamo la vertà non abbiamo bisogno di controllare i 3 canali comunicativi, perchè non abbiamo nulla da temere o da “costruire per esser credibili, nma se dobbiamo mentire, allora abbiamo bisogno di controllare il flusso comunicativo di tutti e 3 i canali.

Il problema è che non ci riusciamo, ne possiamo controllare a malapena uno, e di solito quale scegliamo? Ovvio, quello verbale. Cosi il non verbale e il paraverbale li tralasciamo.

Cosa comporta questo controllo? Comporta una diminuzione della velocità dell’eloquio, infatti la velocità nel parlare è più lenta del normale. Addirittura possiamo anche fermarci più volte mentre parliamo, facendo frequenti pause. Questo perchè dobbiamo pensare a cosa dire e a come essere più credibili.

Qui sotto metto una mia intervista sul linguaggio del corpo e le menzogne, per completare l’articolo e rendere un pò più chiaro il tutto.

Se vuoi vedere alcuni video sull’argomento, ti consiglio il mio canale youtube
iscriviti subito.

Attenzione!!
A breve alcuni video saranno riservati solo a determinati iscritti, approfittatene ora ad iscrivervi al canale youtube, sarete tra i primi che rientreranno nel gruppo privato. Il link è https://www.youtube.com/channel/UCrrIHsgbnFgJD8F7CaEyJHg 

 

Per scoprire e interpretare altri segnali del corpo ti aspetto al prossimo corso: Linguaggio del corpo e micro-espressioni facciali.
Sono aperte le prenotazioni alla pagina Linguaggio del corpo
iscriviti e partecipa al prossimo evento. La rifrequenza è sempre gratuita!

PS. Ci piace lavorare bene – non più di 10 iscritti – 

Alla prossima

Stay Tuned!

 

Follow me

Fabio Pandiscia

Dott. in Psicologia,Autore di vari libri sul linguaggio del corpo e PNL, Master Trainer PNL, Codificatore FACS, METT Advanced, Mix2, affiliato Humintell in Italia.
Fondatore di Formae Mentis Group
Follow me

Latest posts by Fabio Pandiscia (see all)

 

Commenti dai social

commenti

Rispondi